Integratori e macchinari home fitness Eremo di Santa Caterina del Sasso Vendita integratori e macchinari home fitness. Possibilità pagamenti rateali a tasso 0 (TEAG 0, TAN 0)
Aggiornato da 1 minuti | Martedì, 23 settembre 2014
Torna alla home page
Scrivi alla redazioneQuotidiano indipendente del nord
Ricerca negli articoli
Ricerca articoli
Pubblicazione data08/05/2012 | Cultura
Cuasso al Monte (21050 VA), Lombardia | m.s.l.m.: 530 | Montagna interna | km²: 16,43 | Ab.: 3.571
Print page

Storia e territorio

Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi

Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi
Un'entrata del castello. Foto di Alfredo De Domenico

Inizia l'inchiesta sul Castelasc, il Castello di Cuassso a Monte, preziosità del territorio vergognosamente lasciato in stato di abbandono. Ecco la sua storia

I castelli sono luoghi del mistero. Laddove la storia ha fatto tappa e le passioni sono state consumate in tutto il logo vigore, là si sono verificate immancabilmente vicende che hanno poco di ordinario. Storie di battaglie e potere, di assassinii e tradimenti, di morte e d’amore, alle volte cristallizzatesi nei racconti leggendari della tradizione orale. Come, per esempio, presso la Rocca di Orino in Valcuvia, dove lo spirito del milite svizzero Francesco vagabonda inquieto tra le rovine da secoli, latore di presagi maligni.

Anche il Castello di Cuasso al Monte, detto Castelasc in vernacolo, non sfugge a questa regola. Nei boschi circostanti, tra i ruderi e la cascata della Cavallizza, si aggirerebbe dai tempi della prima crociata la diafana ombra di Carlo, figlio del Duca di Cuasso, ucciso a tradimento nel sonno per amore della bella Rosamaria.

Le storie di fantasmi sono solo una parte del mistero. In questo articolo e nei prossimi che daranno corpo alla nostra inchiesta sullo stato di abbandono cui è soggetto il castello, ne racconteremo anche altri, evidentemente poco noti se è vero che molti degli stessi cuassesi sono all’oscuro dell’esistenza di questo luogo.
Perché cosa è stato fatto e cosa si sta facendo per salvaguardarlo è già di per sé un enigma che merita di essere svelato.

Di antichissima origine, il Castelasc fu una fortificazione di una certa importanza, quasi inespugnabile perché al vertice di una gola in forte pendenza. Inserita nel sistema difensivo di avvistamento e segnalazione del Ceresio, si trovava in una posizione strategica nel percorso che allora univa Ponte Tresa e le valli del Verbano con Como, nonché sull’antica via che portava da Milano ai valichi alpini del San Bernardino e del San Gottardo.

Ora è un imponente, tetro rudere quasi irriconoscibile, arroccato su un piccolo poggio di fronte ad una cava di porfido. Ciò che rimane in piedi è circondato da rovi, robinie e piante rampicanti. Un tempo lo si poteva scorgere da lontano, isolato su quell’altura tra l’erica e i cardi. Ora sembra scomparso dalla collina, nascosto agli occhi dei viandanti dalla vegetazione cresciuta col tempo e quindi cancellato dalla memoria degli uomini. Nell’abbandono è forse più percepibile il passare inesorabile del tempo.

A metà degli anni Settanta il professor Adelio Bianchi condusse una breve campagna di scavi e pubblicò i suoi studi in un volumetto oramai introvabile. Del castello si sapeva ben poco, qualche notiziola riportata dal Sormani e da Cesare Cantù, oramai datate e confinate in un ambito più letterario che propriamente storico, tipico degli interessi romantici dell’Ottocento. Il Bianchi non ebbe unicamente il merito di ricostruirne l’architettura, ma confrontando la pianta con quella di altri fortilizi ipotizzò l’intervento di maestranze e mastri muratori sassoni. Le geometrie del Castelasc di Cuasso sono infatti molto simili al castello di Warkworth di Nothumberland in Inghilterra, ricostruito nel 1440, ma impostato sullo schema originale, appunto di origine sassone.

Da allora é nato un certo interesse intorno al castello e al suo destino. Lo sosteneva negli anni Novanta il sindaco Marino Sturaro introducendo una riedizione dello studio del Bianchi. Lo confermavano cittadini di Cuasso quando si mobilitarono nel 2001 per chiedere al Municipio la pulizia del sito. Tra il 2002 e il 2006 comparvero le ricerche aggiornate di Roberto Corbella e Matteo Colaone, il primo in un volume dedicato ai fortilizi della provincia mentre il secondo sulla rivista edita dall’Associazione Culturale Terra Insubre.

Nel 2004 le associazioni Amici della Terra e Italia Nostra si attivarono per proporre un intervento di messa in sicurezza del sito, ma senza troppo successo. La motivazione era chiara: “Il Castello rappresenta una testimonianza irrinunciabile della storia del territorio varesino. Deve essere fatto ogni sforzo per conservarne l’integrità. È un valore non rinunciabile, è la radice originaria della più antica storia di una parte della nostra terra”.

Oggi la mobilitazione viaggia in rete. Sul social network del momento sono comparsi ben due gruppi dedicati al Castelasc. Hanno aderito già centinaia di membri. L’obiettivo è chiaro: si cerca di salvare la principale preziosità del territorio, forse l’unico castello costruito dai Sassoni a sud delle Alpi ancora, in parte, esistente. Che come una vecchia sentinella ostinata monta ancora la guardia di fronte all’orizzonte, incurante del passare dei secoli.


di Massimiliano Carminati
(Prossima "puntata" Lunedì 14 Maggio)

CommentCommenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.
Titolo

Commento di massimo 500 battute carattere

Legati a “Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi” l'autore dell'articolo ti segnala direttamente anche:
  • Quel castello rischia di crollare sulla strada

    “Quel castello rischia di crollare sulla strada”

    Varese - Dopo che il consiglio non è riuscito a votare una soluzione per il Castello di Belforte, la denuncia del Pd. Il muraglione sulla strada è rovinato, le macerie possono finire sulle auto                                                                                                                                                                                                                             

  • Nei cieli d'Insubria il mondiale dei fuochi d'artificio

    Nei cieli d'Insubria il mondiale dei fuochi d'artificio

    Fiori di fuoco vede 5 nazioni contendersi il campionato tra Laveno Mombello, cascate del Toce, Cannobio e Arona. Il via dal 30 luglio                                                                                                                                                                                                                                                                     

  • Irlanda, l'Isola del destino

    Irlanda, l'Isola del destino

    L'assessorato alle Identità culturali di Vedano Olona e Terra Insubre invitano alla presentazione del libro di Paolo Gulisano.                                                                                                                                                                                                                                                                         

  • Il Casula al Castello

    Il Casula al castello

    Gli studenti diventano ciceroni e spiegano ai visitatori cosa c’è dietro all’immagine, illustrandone le vicende storiche e critiche                                                                                                                                                                                                                                                                     

  • È scomparso il prof. Bianchi, storico del castello di Cuasso

    È scomparso il prof. Bianchi, storico del castello di Cuasso

    Aveva 82 anni,insegnate di disegno e storia dell’arte in licei del Varesotto, aveva compiuto approfonditi studi sul maniero. InInsubria darà conto                                                                                                                                                                                                                                                           

  • Per i più piccoli le domeniche al Castello

    Per i più piccoli le domeniche al Castello

    Il Museo civico del Castello di Masnago propone per la primavera visite guidate con laboratorio curate da Sull’arte e rivolte ai bambini dai 4 agli 11 anni                                                                                                                                                                                                                                                     

  • Insubria Terra d'Europa, un mese di festival a Varese

    Insubria Terra d'Europa, un mese di festival a Varese

    Ecco il programma della kermesse organizzata da "Terra Insubre" dal 30 aprile al 1 giugno. In cartellone cultura, cinema, economia, musica e ambiente: corni alpini e degustazioni in corso Matteotti                                                                                                                                                                                                                         

  • Arte al Festival dell' Insubria. Aspettando Roberto Maroni e Norman Gobbi

    Arte al Festival Insubria. Aspettando Roberto Maroni e Norman Gobbi

    Dopo il convegno sulla Battaglia di Marignano andato in scena a Melegnano, la kermesse di Terra Insubre entra nel vivo con due mostre, una fotografica, l’altra storica. Dal 30 aprile al primo giugno.                                                                                                                                                                                                                         

  • Festival dell'Insubria: rocche e castelli sotto i portici di Varese

    Festival dell'Insubria: rocche e castelli sotto i portici di Varese

    Comincia la kermesse culturale di Terra Insubre: due mostre, una fotografica e l’altra storica, tra via Volta e Palazzo Estense. Tutto il programma fino al 1 Giugno                                                                                                                                                                                                                                               

  • Un focus di 9 puntate sul castello di Cuasso al Monte

    Un focus di 9 puntate sul castello di Cuasso al Monte

    Da martedì 8 maggio, e poi ogni lunedì, pubblicheremo per nove settimane un’inchiesta a puntate sullo stato di degrado e di abbandono dell'antico maniero. A cura di Massimiliano Carminati                                                                                                                                                                                                                                 

Aeroporti Internazionali Forlanini di Linate e di Malpensa. Gestiti dalla Società SEA, informazioni sugli orari dei voli le tariffe
Giornale ininsubria su Facebook
La nostra pagina su Facebook La nostra pagina su Twitter rss feed - articoli dell'ultimo mese
Redazione | Direttore | Pubblicità | Lettere

InInsubria - P.IVA 03078100124 - Registrazione al Tribunale di Varese n° 943