Vendita integratori e macchinari home fitness. Possibilità pagamenti rateali a tasso 0 (TEAG 0, TAN 0) Il lago di Varese e la sua pista ciclabile ad anello Integratori e macchinari home fitness
Aggiornato il 22/10/2014 alle 17:24 | Giovedì, 23 ottobre 2014
Torna alla home page
Scrivi alla redazioneQuotidiano indipendente del nord
Ricerca negli articoli
Ricerca articoli
Pubblicazione data04/06/2012 | Insubria
Cuasso al Monte (21050 VA), Lombardia | m.s.l.m.: 530 | Montagna interna | km²: 16,43 | Ab.: 3.571
Print page

Storia e territorio

Castello di Cuasso: ecco i resti preziosi

Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi [Parte 5]
Riaffiorano antichi reperti trovati durante gli scavi della Linea Cadorna e poi dal professor Adelio Bianchi

Riaffiorano antichi reperti trovati durante gli scavi della Linea Cadorna e poi dal professor Adelio Bianchi

Il 4 gennaio scorso, presso una nota residenza per anziani della Valceresio, il professor Adelio Bianchi ci ha consegnato dei reperti che ancora, dopo tanti anni, custodiva gelosamente. Era lo studioso che negli anni Settanta ha dimostrato la singolarità e l'importanza del castello di Cuasso. "Non ne sapevo nulla – dice il figlio Paolo –. Evidentemente li teneva nascosti chissà per quale motivo. Ha sempre dimostrato un particolare interesse per quel castello."

Il Bianchi aveva scavato all'interno della chiesa di S. Dionigi, dove si celebrava messa ancora nel Settecento secondo testimonianze scritte. Non molto tempo fa il castello possedeva ancora una funzione sociale, non più di difesa, ma sempre di aggregazione: si veniva qui a pregare. Il luogo dove nascevano i conti signori della valle era rimasto sacro per la comunità dei credenti. In illustrazioni di metà Ottocento compaiono grandi croci che segnavano chiese e cimitero e che erano meta delle processioni di penitenza delle tre parrocchie confinanti. Quelle croci erano state posizionate per decreto dell'arcivescovo Carlo Borromeo dopo la visita pastorale del 1574, quando si decise la costruzione di un'altra chiesa parrocchiale, nonché l'abbandono e la demolizione di quella di S. Dionigi.

Sotto quei ruderi la terra deve essere pregna di ossa. Ancora oggi per un anziano di Cuasso la frase "Andare a S. Dionigi" equivale a "Finire al cimitero". Il Bianchi trovò resti di scheletri, appartenuti a un bambino e un adulto, forse del XII secolo o giù di lì. Delle esequie si occupò don Carlo Bertoni, che assisteva nell'impresa. Diede a quei resti umani ciò che meritavano, e che forse avevano già avuto: una sepoltura cristiana.

Il professore trovò degli affreschi, o meglio ciò che ne restava. Nella fredda e umida terra altri reperti: pezzi di ferro affilati, monete, oggetti all'apparenza insignificanti e arrugginiti, cocci di vasi. Nel suo studio si parla di altri ritrovamenti. Frammenti di ceramica, lame, posate, "oltre a una moneta o medaglia quadrata, il tutto finito non si sa dove". L'antropologo Roberto Corbella ci ha parlato di altre piccole scoperte compiute dalle maestranze di Arcisate che lavorarono nel cantiere della linea Cadorna. Anche loro durante gli scavi ritrovarono numerosi oggetti, addirittura due umboni di bronzo tipici dell'età longobarda.

I reperti del Bianchi finirono nella cassaforte del Comune, come ricordano dipendenti di lunga data. Ma ad oggi non si riesce a trovare traccia di quegli oggetti.
Il Bianchi, però, si era tenuto qualcosa nell'intenzione di indagare personalmente la loro importanza. Ce li ha consegnati in una scatolina di cartone, poco prima della scomparsa, forse presagita: tre monetine, una fibula di bronzo e un coltellino o rasoio di ferro molto arrugginito.

Ci siamo presi l'impegno di capirci qualcosa di più, di farli analizzare per sapere cosa siano e quanto tempo abbiano. Per questo abbiamo consultato degli esperti. Il loro responso, di cui daremo notizia nella prossima puntata, è sorprendente.


di Massimiliano Carminati

CommentCommenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.
Titolo

Commento di massimo 500 battute carattere

“Castello di Cuasso: ecco i resti preziosi” ha queste concatenazioni dirette:
  • Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi

    Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi

    Inizia l'inchiesta sul Castelasc, il Castello di Cuassso a Monte, preziosità del territorio vergognosamente lasciato in stato di abbandono. Ecco la sua storia                                                                                                                                                                                                                                                   

  • Un Castelasc tutto da studiare

    Un Castelasc tutto da studiare

    (Seconda puntata sul Castello di Cuasso) - Il prof. Adelio Bianchi lascia in eredità una ricerca storico-archeologica non ultimata. I ricordi del figlio Paolo. Le nebbie dell’indifferenza e dell’ostilità cominciano a salire                                                                                                                                                                                                         

  • Il Castello di Cuasso prova a fare "Rete"

    Il Castello di Cuasso prova a fare

    Terza puntata - La solidarietà a favore del castello è anche virtuale: su Facebook ben due gruppi e centinaia di amici, tra cui studiosi e personalità celebri                                                                                                                                                                                                                                                   

  • Il Castelasc sotto l'occhio degli storici

    Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi [Parte 4]

    Quarta puntata. Gli studiosi Gianpiero Buzzi, Roberto Corbella e Matteo Colaone parlano delle loro ricerche sul castello e ricordano importanti ritrovamenti. Sperando in interventi d'urgenza.                                                                                                                                                                                                                             

  • Al Castello di Cuasso reperti di epoca longobarda [Parte 6]

    Al Castello di Cuasso reperti di epoca longobarda [Parte 6]

    Le analisi confermano che l’area è archeologicamente rilevante, ma bisognerebbe scavare per scoprire cos’altro custodisce la terra. Intervista al professor Arslan                                                                                                                                                                                                                                                 

  • Castelasc di Cuasso: qualcosa si muove

    Castello di Cuasso al Monte: tra fantasmi e ruderi [Parte 8]

    Ottava puntata. Nel nuovo PGT del Comune di Cuasso strategie di recupero e tutela dell’area del castello. Si riaccende la speranza                                                                                                                                                                                                                                                                       

Aeroporti Internazionali Forlanini di Linate e di Malpensa. Gestiti dalla Società SEA, informazioni sugli orari dei voli le tariffe
Giornale ininsubria su Facebook
La nostra pagina su Facebook La nostra pagina su Twitter rss feed - articoli dell'ultimo mese
Redazione | Direttore | Pubblicità | Lettere

InInsubria - P.IVA 03078100124 - Registrazione al Tribunale di Varese n° 943