Integratori e macchinari home fitness Il lago di Varese e la sua pista ciclabile ad anello Vendita integratori e macchinari home fitness. Possibilità pagamenti rateali a tasso 0 (TEAG 0, TAN 0)
Aggiornato il 23/11/2014 alle 22:53 | Lunedì, 24 novembre 2014
Torna alla home page
Scrivi alla redazioneQuotidiano indipendente del nord
Ricerca negli articoli
Ricerca articoli
Pubblicazione data21/06/2011 | Attualita
Roma (001xx RM), Lazio | m.s.l.m.: 20 | Pianura | km²: 1.307,71 | Ab.: 2.743.796
Print page

Guerra in Lega

Lega Nord, Maroni e Calderoli spingono per rimuovere Reguzzoni?

Lega Nord, Maroni e Calderoli spingono per rimuovere Reguzzoni?
Marco Reguzzoni

Un voto dei parlamentari leghisti, in vista per domani 22 giugno, potrebbe far saltare la carica del capogruppo alla Camera. Che adesso rischia al posto di Giorgetti

Lo scontro dentro la Lega potrebbe segnare un punto a favore dell'area maggioritaria, quella legata al ministro agli Interni Roberto Maroni , Roberto Calderoli e Giancarlo Giorgetti, quello che fino ha ieri sera avrebbe rischiato il commissariamento in base ai rumors usciti come un fiume in piena dal Carroccio.
Il capogruppo alla Camera, il bustocco Marco Reguzzoni, domani potrebbe essere rimosso dalla sua carica a Montecitorio. Al suo posto in pole position c'è Giacomo Stucchi.
L'ipotesi, a quanto si apprende da fonti interne alla maggioranza, sarebbe stata valutata nel corso di una riunione dei parlamentari dopo il voto di fiducia di oggi alla Camera dei deputati.
La decisione ufficiale dovrebbe avvenire entro la giornata di domani 22 giugno, con una votazione dei parlamentari.

L'avvicendamento, ufficialmente, rientrerebbe in un accordo di successione all'interno del gruppo ma, secondo alcune ricostruzioni, i motivi sarebbero anche di natura politica.
A spingere oggi per togliere l'incarico all'ex presidente della Provincia di Varese sarebbero stati gli stessi ministri leghisti Maroni e Calderoli, ai quali Umberto Bossi in persona avrebbe accordato di regolarsi come meglio credono per calmare le acque all'interno del partito.

E alla luce di quanto avvenuto nelle ultime ore, dal dopo Pontida in avanti, si scende inevitabilmente nel campo di battaglia venutosi a creare dentro la Lega. Ormai tutti i giornali ne parlano.
Da una parte quello che viene chiamato dalla stampa il "cerchio magico", ovvero, la vicepresidente del Senato Rosy Mauro, i capigruppo alla Camera e Senato Marco Reguzzoni e Federico Bricolo e il sottosegretario alla Semplificazione Francesco Belsito. A questi molti aggiungono Manuela Marrone, moglie di Bossi e gran consigliera del Senatùr.

Dall'altra parte, Roberto Maroni, Roberto Calderoli, Giancarlo Giorgetti - quello che fino a ieri ha rischiato di essere disarcionato dalla segreteria nazionale della Lega Lombarda - e quelli che a lui rispondono, in primis il sindaco di Varese Attilio Fontana.
Poi anche i veneti legati a Flavio Tosi, Luca Zaia e Gian Paolo Gobbo, segretario della Liga Veneta che anche lui avrebbe rischiato il commissariamento a favore di Bricolo.

Uno scontro tra correnti acuitosi, dicono i bene informati della Lega Nord, durante Pontida alla vista del mega striscione che acclamava a Roberto Maroni presidente del Consiglio. E che di fatto sancisce la scelta della base per il dopo Umberto Bossi a leader del movimento.
Da qui avrebbe avuto accelerazione il tentato il "golpe" a Giorgetti, perchè colpire lui significa andare anche a indebolire Maroni. Questo è almeno quanto è apparso chiaro a molti militanti, di Varese e non solo.
E che quando hanno appreso dell'ipotesi "caduta di Giorgetti" non hanno esitato a promettere tuoni e fulmini: dalle dimissioni di amministratori alla riconsegna delle tessere, passando per una manifestazione a Gemonio per far capire a casa Bossi da che parte sta la base.
Anche se una precisione è d'obbligo:"Non ce l'abbiamo con Umberto Bossi", ha tenuto a sottolineare ieri un esponente importante della Lega. Volendo ribadire la fedeltà al capo dei lumbard.

Ma a questo punto i big del Carroccio avrebbero considerata colma la misura. L'ipotesi del commissariamento di Giorgetti sarebbe stata stroncata da Maroni e Calderoli, e avrebbe portato alla possibilità che Reguzzoni venga sostituito nel suo ruolo di capogruppo alla Camera.
Se davvero così fosse, è chiaro che la "vendetta" nella Lega sarebbe stata servita a distanza di poche ore. Quindi, non una vendetta fredda ma rovente.

CommentCommenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.
Titolo

Commento di massimo 500 battute carattere

Legati a “Lega Nord, Maroni e Calderoli spingono per rimuovere Reguzzoni?” l'autore dell'articolo ti segnala direttamente anche:
  • Immigrazione, avanti coi respingimenti

    Immigrazione, avanti coi respingimenti

    Il ministro dell'Interno Roberto Maroni non si scompone per la "richiesta d'informazioni" della Ue. Alla stampa:"Accertare le cose prima di dare informazioni". I 75 clandestini giù rimpatriati in Egitto.                                                                                                                                                                                                                     

  • Sgarbi: Voglio querelare Maroni

    Il critico, che si è scontrato di recente con i vertici della Lega Nord, dice di essere stato insultato da Maroni. Accuse tutte da provare                                                                                                                                                                                                                                                                 

  • Galli: Vince la democrazia

    Galli: “Vince la democrazia”

    Dopo la riammissione del listino in sostegno a Formigoni, il capogruppo della Lega Nord accusa la sinistra: Votate per noi, loro non sano governare                                                                                                                                                                                                                                                           

  • Villa Recalcati, nel Pdl è scontro per chi mandarci

    Villa Recalcati, nel Pdl è scontro per chi mandarci

    Varese - Lunga riunione del partito di Berlusconi, ma a settimane dalle dimissioni di Rienzo Azzi ancora non C'è chi può sostituirlo. I laici vogliono Carioni, i ciellini Aliprandi                                                                                                                                                                                                                                     

  • Caccia, Galli: Lega Nord compatta in difesa dei cacciatori

    Milano - Il capogruppo dei lumbard al Pirellone:I franchi tiratori non stanno sul Carroccio                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

  • Il Pdl frena la Lega: Siamo il primo partito

    Il Pdl frena la Lega: “Siamo il primo partito”

    L'area laica dei berlusconiani rimprovera al Carroccio di metterli da parte e rivendica il ruolo di prima forza in provincia.                                                                                                                                                                                                                                                                         

  • Como, il Pd alla Lega: Sfiduciate il sindaco

    I Giovani democratici del Lario attaccano il Carroccio, chiedendogli di essere coerente e di uscire dalla giunta Bruni                                                                                                                                                                                                                                                                               

  • Induplas, la multinazionale diserta l'incontro con Roberto Maroni

    Induplas, la multinazionale diserta l'incontro con Roberto Maroni

    I vertici aziendali hanno dato forfait. Maroni: “Non ci sono garanzie, faremo partire gli ammortizzatori sociali”. Sul federalismo: “Passerà”                                                                                                                                                                                                                                                               

  • Milano, Letizia Moratti a rischio ballottaggio: troppe liste

    Milano, Letizia Moratti a rischio ballottaggio: troppe liste

    Duro scontro per Palazzo Marino a Milano. In campo 11 candidati sindaci                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

  • Centro profughi, scontro a Como tra Lega e Pdl

    Il presidente della Provincia di Como Leonardo Carioni vuole la struttura in città. Il sindaco Bruni (Pdl) ed il Carroccio cittadino contrari.                                                                                                                                                                                                                                                               

  • Maroni ci ripensa. Ghiringhelli capolista

    Maroni ci ripensa. Ghiringhelli capolista

    Il ministro avrebbe seguito i consigli del nazionale e scelto di non sovraccaricarsi di impegni politici. Il suo posto al capogruppo uscente                                                                                                                                                                                                                                                               

  • Maroni lancia la battaglia della Lega a Varese

    Maroni lancia la battaglia della Lega a Varese

    Incontro con il ministro stasera alle 21 al circolino di Bobbiate, dove iniziò la storia della Lega                                                                                                                                                                                                                                                                                           

  • Risottata "in Corso" con Bossi e Maroni

    Risottata

    I due ministri varesini in serata in piazza del Podestà per lanciare la volata al ballottaggio di Attilio Fontana. L'invito aperto a tutta la città                                                                                                                                                                                                                                                          

  • Il Pd di Varese perde la bussola. E si autolesiona...

    Il Pd di Varese perde la bussola. E si autolesiona...

    Subito dopo un risultato storico, che ha visto il centrosinistra arrivare al ballottaggio e rischiare di vincere, riemergono vecchie fratture                                                                                                                                                                                                                                                               

  • Varese, il Pd mette da parte il candidato sindaco

    Varese, il Pd mette da parte il candidato sindaco

    Luisa Oprandi fa un passo indietro e, aspirando a fare il capogruppo, non vuole però una spaccatura. In poche parole, i bersaniani hanno la strada spianata                                                                                                                                                                                                                                                     

Aeroporti Internazionali Forlanini di Linate e di Malpensa. Gestiti dalla Società SEA, informazioni sugli orari dei voli le tariffe
Giornale ininsubria su Facebook
La nostra pagina su Facebook La nostra pagina su Twitter rss feed - articoli dell'ultimo mese
Redazione | Direttore | Pubblicità | Lettere

InInsubria - P.IVA 03078100124 - Registrazione al Tribunale di Varese n° 943