Integratori e macchinari home fitness Eremo di Santa Caterina del Sasso Vendita integratori e macchinari home fitness. Possibilità pagamenti rateali a tasso 0 (TEAG 0, TAN 0)
Aggiornato il 01/09/2014 alle 15:06 | Martedì, 2 settembre 2014
Torna alla home page
Scrivi alla redazioneQuotidiano indipendente del nord
Ricerca negli articoli
Ricerca articoli
Pubblicazione data28/11/2011 | Cultura
VA Lombardia
Print page

Per intenditori

Storia dell'arte a Varese e nel suo territorio

Storia dell'arte a Varese e nel suo territorio
Copertina

Mille e 100 pagine, 1000 fotografie, 39 capitoli, 27 autori, 2 tomi: i numeri di un’opera monumentale che va dall’alto Medioevo di Castelseprio

E’ un’opera senza precedenti “Storia dell'Arte a Varese e nel suo territorio”, due volumi dedicati alle arti figurative dell’intera provincia di Varese nell’ambito del progetto editoriale della “Storia di Varese” curato dall’“International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities” (Centro Internazionale di Ricerca per le Storie Locali e le Diversità Culturali) dell’Università degli Studi dell’Insubria ed edito dalla casa editrice d’Ateneo: la Insubria University Press.

I due tomi della Storia dell’Arte definiscono l’identità artistica della Città Giardino e della sua provincia lungo un arco di tempo che va dalla cultura altomedievale di Castelseprio alle testimonianze dell’eclettismo e del liberty a Varese e nel Varesotto, toccando tutte le epoche e tutti i siti rilevanti al fine di ricostruire il patrimonio artistico-architettonico locale nella sua completezza. Un lavoro certosino di ricerca e di studio che ha visto il coinvolgimento di ventisette autori appartenenti a università e istituti di ricerca lombardi, per la stesura dei trentanove capitoli che compongono l’opera, per un totale di oltre mille e cento pagine e un patrimonio iconografico di ben mille fotografie.

L’opera segue una trattazione cronologica classica, partendo dall’alto Medioevo e attraversando le diverse epoche dell’arte – tutte ben rappresentate nel territorio di Varese -: romanico, gotico, tardo gotico, rinascimento, manierismo, barocco, rococò, neoclassicismo, eclettismo, liberty, fino alle soglie della contemporaneità, con l’archeologia industriale e l’arte applicata all’industria; ma «lo sviluppo dell’opera è alterno con capitoli dedicati a temi trasversali, come ad esempio il Sacro Monte, o il Liberty varesino, altri capitoli incentrati su personalità artistiche di spicco, per citarne qualcuna: Pietro Antonio Magatti, Bernardino Castelli, Enrico Butti, o su temi specifici, come, la datazione di Castelseprio o il collezionismo, con un ritratto delle figure di Guido Cagnola e Lodovico Pogliaghi» spiega Andrea Spiriti, docente di Storia dell’Arte all’Università dell’Insubria e autore di alcuni saggi dell’opera.

Il progetto è stato diretto e coordinato dalla professoressa Maria Luisa Gatti Perer, emerito di Storia dell’arte moderna nell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano, scomparsa nel 2009:«Occorreva tener conto delle peculiarità di un territorio dalla complessa identità, segnato dalla presenza dei laghi Maggiore, Ceresio, Lario, e dei fiumi Ticino, Olona, ampiamente interessato pertanto da scambi e da traffici» scrive così nel capitolo primo dedicato alle “Ragioni di un’opera”, la professoressa Gatti Perer. «Nel ripercorrere la Storia dell’arte a Varese e nel suo territorio andavano aggiornati gli studi sui luoghi di Castelseprio, Castiglione Olona, Saronno, il Sacro Monte: indiscussi poli attrattivi dal punto di vista storico, culturale e artistico. L’approfondimento di personalità che hanno lasciato un segno fortemente innovativo quali il cardinale Branda Castiglioni, i Visconti ed i Borromeo; l’analisi di argomenti poco o per nulla studiati: valga per tutti l’arte organaria, la trattazione di tematiche quali il collezionismo ottocentesco, l’archeologia industriale e l’arte contemporanea sottolineano i caratteri peculiari che consentono di delineare l’identità di questa porzione di territorio della Lombardia, aperta, soprattutto a Nord, ai più aggiornati influssi europei».

«I volumi sono l’ultima fatica della professoressa Gatti Perer e ne rispecchiano la sua visione generale: l’opera è corale, si coglie una lettura polifonica delle tematiche trattate, proprio per questa impronta, voluta dalla Gatti Perer e dal Comitato scientifico, di una visione complessiva, trasversale che vede il collegamento tra docenti appartenenti a diversi Atenei lombardi con le sopraintendenze per i beni artistici» - conclude il professor Andrea Spiriti.

Il progetto editoriale della “Storia di Varese” nasce nel 2004 su iniziativa dell’“International Research Center for Local Histories and Cultural Diversities” (Centro Internazionale di Ricerca per le Storie Locali e le Diversità Culturali) dell’Università degli Studi dell’Insubria: si tratta di un’opera monumentale che in nove volumi (volume 1: “Profili”; 2: “Storia dell'Arte a Varese e nel suo territorio”, 3: “Antichità – Dalla Preistoria all’Alto Medioevo”; 4: “Medioevo”; 5: “L’età moderna – Varese nell’Impero”; 6: “L’Ottocento”; 7: “Il Novecento”; 8: “Lingua e Scritture”; 9: “Dizionario Biografico”) per un totale di 5.400 pagine racconterà la storia della Città Giardino dalla protostoria all’epoca contemporanea. Finora sono stati pubblicati il secondo tomo del volume 4 dal titolo: “Il Monastero di Santa Maria del Monte sopra Varese”; il secondo tomo del volume 7 dedicato al tema: “Varese una provincia con la cultura dello sport” e il secondo tomo del primo volume, dal titolo: “Varese nelle antiche stampe. XVII-XIX secolo”.

La presentazione del volume rappresenta anche l’occasione per ufficializzare la nomina del professor Gianmarco Gaspari, docente di letteratura italiana al Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, a nuovo direttore del Centro di Storie Locali e per presentare l’archivio fotografico Vivi Papi, al quale si è attinto per una parte importante del corredo iconografico dei volumi sulla Storia dell’arte.
È in preparazione un documentario biografico su Vivi Papi, fotografo varesino specializzato in riproduzioni d’arte, il cui archivio è stato donato dagli eredi all’università nel 2007. Il fondo Vivi Papi rappresenta la parte più cospicua dell’Archivio fotografico del Centro Storie Locali e ricomprende immagini che documentano una buona porzione del patrimonio artistico del Varesotto e di opere di artisti varesini. Altre info sull’archivio: http://www.cslinsubria.it/archivio-fotografico.html.

Tutte le opere finora pubblicate della collana “La Storia di Varese” sono acquistabili presso l’Insubria University Press (tel. +39 0332 21.9370 - fax: +39 0332 21.9379 - e-mail: iup@uninsubria.it – sito: www.uninsubria.it).

CommentCommenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.
Titolo

Commento di massimo 500 battute carattere

Legati a “Storia dell'arte a Varese e nel suo territorio” l'autore dell'articolo ti segnala direttamente anche:
  • "Non toccate quella villa": la giunta dà ragione a Sgarbi

    Morazzone (Varese) - Il famoso critico attacca attraverso il "Giornale" la decisione di demolire un edificio liberty di pregio storico. Il sindaco: Ha ragione, ma abbiamo le mani legate. Ci aiuti lui.                                                                                                                                                                                                                       

  • La villa liberty è salva: il Comune chiude il cantiere

    La villa liberty è salva: il Comune chiude il cantiere

    Dopo un sopralluogo della Polizia Locale e dell'ufficio tecnico di Morazzone, il sindaco leghista Matteo Bianchi blocca l'abbattimento                                                                                                                                                                                                                                                                   

  • Castelseprio, rinnovata la candidatura per il riconoscimento Unesco

    Castelseprio, rinnovata la candidatura per il riconoscimento Unesco

    Varese - A Parigi l'Icomos ha confermato il prestigio del patrimonio, in particolare della chiesa di Santa Maria Foris Portas. L'assessore provinciale Bottini:"In linea con l'impegno della Provincia".                                                                                                                                                                                                                       

  • A Villa Recalcati presentazione della Guida musei

    A Villa Recalcati presentazione della Guida musei

    arese - Nell'ambito delle Giornate europee del patrimonio sabato viene presentata la Guida ai musei del Simarch. Domenica laboratori didattici a Castelseprio                                                                                                                                                                                                                                                     

  • UnInsubria: il buon lavoro premiato con 4 milioni

    UnInsubria: il buon lavoro premiato con 4 milioni

    L'ateneo di Varese e Como vede riconosciuta dal ministero la qualità di ricerca e didattica: ottenuto l'11% in più rispetto al finanziamento complessivo.                                                                                                                                                                                                                                                      

  • Varese, la Giornata del Liberty per una provincia turistica

    Varese, la Giornata del Liberty per una provincia turistica

    Presentato un percorso culturale e storico sull'architettura della Varese d'inizio '900. L'assessore provinciale Brianza:"Un patrimonio da fare conoscere"                                                                                                                                                                                                                                                       

  • Giochi tra liberty e tradizione sul sentiero 10 di Varese

    Giochi tra liberty e tradizione sul sentiero 10 di Varese

    Domenica 12 giugno, da mattina a sera, laboratori didattici e prodotti locali per grandi e piccini. La Provincia ente capofila che organizza l'evento                                                                                                                                                                                                                                                        

  • Giovani e preparati: è il profilo dei laureati all'Insubria

    Giovani e preparati: è il profilo dei laureati all'Insubria

    Hanno performance brillanti e più regolari dei colleghi. Lo dice un'indagine condotta su 56 atenei confrontando oltre 190mila "triennali" e specialistici                                                                                                                                                                                                                                                       

  • Una giornata dedicata al Seprio

    Una giornata dedicata al Seprio

    Il comune di Castelseprio e Terra Insubre presentano studi, pubblicazioni e interventi dedicati a questo territorio. Appuntamento per sabato 18                                                                                                                                                                                                                                                              

  • Università dell'Insubria in lutto: morto a Como il prof Luraschi

    Università dell'Insubria in lutto: morto il professor Luraschi

    Dopo lunga malattia è mancato il conosciutissimo insegnante di Diritto Romano. Aveva solo 68 anni                                                                                                                                                                                                                                                                                             

  • Varese e Unesco:"Adesso lo Stato sostenga il nostro turismo"

    Il Carroccio, attraverso il capogruppo Reguzzoni, chiede al ministero dei Beni culturali iniziative per lo sviluppo delle preziosità della Provincia                                                                                                                                                                                                                                                           

  • Doppia laurea per l'Università dell'Insubria

    Doppia laurea per l'Università dell'Insubria

    La Facoltà di Economia dell'Ateneo varesino e comasco lancia la prima “doppia laurea”, ossia riconosciuta anche in un Paese straniero                                                                                                                                                                                                                                                                     

I comuni con le notizie più recenti
I comuni più recentemente aggiornati:
Aeroporti Internazionali Forlanini di Linate e di Malpensa. Gestiti dalla Società SEA, informazioni sugli orari dei voli le tariffe
Evidenza di keywords negli articoli:
Giornale ininsubria su Facebook
La nostra pagina su Facebook La nostra pagina su Twitter rss feed - articoli dell'ultimo mese
Redazione | Direttore | Pubblicità | Lettere

InInsubria - P.IVA 03078100124 - Registrazione al Tribunale di Varese n° 943