Vendita integratori e macchinari home fitness. Possibilità pagamenti rateali a tasso 0 (TEAG 0, TAN 0) Eremo di Santa Caterina del Sasso Integratori e macchinari home fitness
Aggiornato il 29/07/2014 alle 17:55 | Mercoledì, 30 luglio 2014
Torna alla home page
Scrivi alla redazioneQuotidiano indipendente del nord
Ricerca negli articoli
Ricerca articoli
Pubblicazione data06/02/2012 | Como
Dongo (22014 CO), Lombardia | m.s.l.m.: 208 | Montagna interna | km²: 7,52 | Ab.: 3.481
Print page

"Ricordo umano" - "Fatto gravissimo"

Una foto per Mussolini e Claretta: sul lago di Como è ancora polemica

Una foto per Mussolini e Claretta: sul lago di Como è ancora polemica
Mussolini e Claretta Petacci

I vecchi militi della Rsi chiedono e ottengono di posizionare una targa fotografica sul muro di Villa Belmonte e si solleva un polverone. Quando il passato non vuole passare

Un polverone per due fotografie su lastra di marmo bianco. Sul lago di Como, in particolare a Dongo e dintorni, i fatti di 77 anni fa tornano a scaldare gli animi della gente. La ritirata tedesca coi gerarchi fascisti al seguito sopravvive ormai nella memoria di pochi testimoni diretti, ma le vicende trasmesse da padre in figlio e la valanga di libri scritti sull'argomento non ha mai fatto sopire l'attenzione sull'esecuzione più importante della Seconda guerra mondiale.
Al centro della notizia c'è ancora una volta "Lui", Benito Mussolini, e l'amante Claretta Petacci, entrambi eliminati sommariamente e senza un processo che tante cose piuttosto scomode avrebbe potuto spiegare.
Ma la storia non si cambia e adesso l'argomento del contendere è soltanto una foto da posizionare all'esterno del celebre cancello di Villa Belmonte, a Giulino di Mezzegra, dove la storiografia ufficiale ripete che vennero fucilati il capo del fascismo e "Claretta" , mentre al massimo colpi di mitra vennero sparati contro due corpi già cadaveri.

All' origine della polemica divampata negli ultimi giorni, la decisione della maggioranza di centrodestra del Comune di Mezzegra - a capo della quale vi è la leghista Claudia Lingeri -, di accogliere la richiesta ricevuta via lettera dall'Uncrsi, l'Unione nazionale combattenti della Repubblica sociale italiana.
La firma della missiva è quella del conosciutissimo Mario Nicollini, 100 anni a breve e camerata di ferro. Nella lettera chiede di potere sistemare una foto commemorativa su una lastra di marmo bianco con i volti di Mussolini - in abito civile -, e della Petacci con i rispettivi nomi e la data del 28 aprile 1945.
Obiettivo dichiarato, quello di "rappresentare un ricordo storico di Claretta" e fare in modo che il manufatto (che va a sostituire la croce di marmo nero di Villa Belmonte) possa trovare posto prima dell'anniversario. Per la cronaca, da dire che da decenni i vecchi fascisti cercano di poter ricordare la Petacci, anche lei uccisa dai partigiani ed esposta allo scempio di piazzale Loreto.
L'Amministrazione di Mezzegra legge e approva. Per il sindaco Lingeri "non vi è rievocazione, ma soltanto ricordo umano. Un omaggio a due morti, nulla a che vedere con l'apologia di fascismo".

Tutto finito? Assolutamente no. Sulle barricate è arrivata l'Anpi di Como che attraverso il componente del direttivo Luca Michelini condanna la decisione del Comune, facendo leva anche sul fatto che accogliere una richiesta "di ex repubblichini" è decisione gravissima:"Speriamo che la Como civile si indigni", conclude.
Sull'altro fronte il Nicollini sprizza felicità e attende il 28 aprile per degna cerimonia.
Nel frattempo, come accade da sempre su questo argomento, l'opinione pubblica si divide su un passato che non vuole passare.


CommentCommenta l'articolo, lasciaci una tua opinione.
Titolo

Commento di massimo 500 battute carattere

Legati a “Una foto per Mussolini e Claretta: sul lago di Como è ancora polemica” l'autore dell'articolo ti segnala direttamente anche:
  • Orge di Stato: l'Italia del vizietto

    Orge di Stato: l'Italia del vizietto

    Varese - Da Cavour a Garibaldi, passando sotto la sottana della contessa di Castiglione, le cui mutande furono rubate da Napoleone III. Sesso, libertinaggio e bisessualità dall'unità dItalia ad oggi                                                                                                                                                                                                                       

  • Tornano i fasci littori, ma non sul monumento

    Erba (Como)-La giunta di Erba ha deciso di recuperare le colonne del Monumento ai Caduti inaugurato nel 1930 dall'architetto comasco Giuseppe Terragni. Le strutture a forma di fascio finiranno in un museo                                                                                                                                                                                                                     

  • Como, un percorso storico-turistico per raccontare la fine del fascismo

    Como, un percorso storico-turistico per raccontare la fine del fascismo

    La Comunità  europea finanzia un progetto della Provincia che punta a valorizzare luoghi e raccontare gli eventi svoltisi sulle rive del lago di Como: dalla morte di Mussolini all'oro di Dongo.                                                                                                                                                                                                                             

  • I diari del Duce nascosti in Valle Spluga?

    I diari del Duce nascosti in Valle Spluga?

    Il figlio di un console italiano a Berlino rivela all'Ansa che una borsa contenente importanti documenti storici sarebbe conservata al confine con la Svizzera.                                                                                                                                                                                                                                                   

  • 25 aprile: partigiani e camerati tra Varese e Como

    Adunata dei fedelissimi di Mussolini nel giorno simbolo della Resistenza: i fascisti a Mezzegra, gli altri a Tremezzo. Storie diverse e nessuna riconciliazione                                                                                                                                                                                                                                                   

  • Ma anche Giorgio Bocca firmò il Manifesto della razza

    Ma anche Giorgio Bocca firmò il Manifesto della razza

    Il lettore Gianfredo Ruggiero puntualizza sul giornalista scomparso:"Si scagliò anche contro gli ebrei. Non è esempio di coerenza"                                                                                                                                                                                                                                                                       

  • “Le stelle del Lago di Como”: la guida dei film

    “Le stelle del Lago di Como”: la guida dei film

    La Camera di Commercio di Como e la Provincia presentano un volume che ripercorre film e location con protagonista il Lario                                                                                                                                                                                                                                                                           

Aeroporti Internazionali Forlanini di Linate e di Malpensa. Gestiti dalla Società SEA, informazioni sugli orari dei voli le tariffe
Giornale ininsubria su Facebook
La nostra pagina su Facebook La nostra pagina su Twitter rss feed - articoli dell'ultimo mese
Redazione | Direttore | Pubblicità | Lettere

InInsubria - P.IVA 03078100124 - Registrazione al Tribunale di Varese n° 943