Massimo Ranieri, il grave incidente: “Dolori lancinanti” | Le fratture multiple

Massimo Ranieri ha raccontato a Domenica In di un tremendo incidente che lo ha coinvolto quando è caduto dal palco, ecco la descrizione del suo dolore

Massimo Ranieri è tra le voci più amate della musica italiana. Una carriera ricca di riconoscimenti e di successi, dalla vittoria del Festival di Sanremo con la meravigliosa Perdere l’amore fino al Premio della Critica all’ultima edizione della kermesse ligure con la toccante Lettera al di là dal mare. Patrimonio della napoletanità, fortissimo il legame con la sua città e proprio lì è capitato un episodio davvero spiacevole per lui.

Massimo Ranieri è stato ospite di Mara Venier a Domenica In ed è stata l’occasione per ricordare alcuni episodi significativi della sua vita e della sua florida carriera ma anche quella di raccontare meglio un episodio recente che è stata fonte di enormi dolori fisici per il famoso artista partenopeo.

Ranieri, infatti, è tornato a parlare di quell’incidente avvenuto al teatro Diana di Napoli a maggio, quando è caduto dal palco: «Sono stato molto male. Dieci giorni fa, mentre giravo, ho avuto dolori lancinanti al costato e mi sono preoccupato: così, sono andato in clinica a fare dei controlli e ho scoperto che a essere fratturata non era una costola, ma addirittura quattro costole, oltre al polso e al braccio».

Forte apprensione subito nei confronti del grande cantante che ha dovuto interrompere le prove e fare i dovuti accertamenti con una diagnosi che ha fatto emergere dei guai per il suo costato, sensazione che Massimo aveva subito avuto una volta caduto, dati i forti dolori che ha provato.

Massimo Ranieri, la caduta dal palco

Eppure a Ranieri i medici, all’epoca, avevano detto che la costola rotta era solo una: «Alla prima radiografia non sempre si vedono tutte le fratture. Mentre cadevo dal palco, ho realizzato che potevo sfracellarmi, mettendo il piede in fallo sono riuscito a girarmi, grazie anche alla mia arte circense, e a portare tutti i miei 80 chili su una spalla, altrimenti sarei caduto di spalla oppure di faccia».

Adesso il musicista è in splendida forma ed è stato accolto in studio da un caloroso applauso da parte del pubblico. Nuovi progetti all’orizzonte non mancano, a discapito dei 70 anni. Massimo Ranieri non ha assolutamente nessuna intenzione di abbandonare la musica e continuerà ad esibirsi finché riuscirà fisicamente.

La Rai ha puntato su di lui anche come volto televisivo e come conduttore affidandoli un programma lo scorso anno sul terzo canale della tv di Stato che è coinciso con la morte del suo pupillo, Diego Armando Maradona, al quale ha dedicato un omaggio davvero sentito e commovente.