“Sta rischiando parecchio”: Massimo Giletti, per il conduttore la situazione è critica

Massimo Giletti è da tempo sotto scorta e ha ricevuto un avvertimento tutt’altro che rassicurante nell’ultima puntata del suo programma politico Non è l’Arena

Domenica sera Massimo Giletti, durante l’ultima puntata del suo talk show in onda su La7, è tornato a parlare della mafia e dell’arresto del boss Matteo Messina Denaro, argomento caldo dell’attualità, vera e propria notizia del momento.

Per approfondire il tema ha intervistato Salvatore Baiardo, che per tanti anni è stato l’uomo di fiducia della mafia, personalità di spicco al punto che durante la precedente ospitata a Non è l’Arena aveva ipotizzato la cattura del noto boss siciliano.

Ha rivolto al conduttore un ammonimento carico di tensione che ha fatto calare il gelo in studio, con una vera e propria minaccia sul suo operato professionale che rischierebbe di intaccare la propria persona.

Io le dico una cosa, però, Giletti. Lei fa del buon giornalismo, ma lei sta rischiando parecchio, ma rischiando a 360 gradi non solo a livello mafia…”, queste le parole spiacevoli e poco rassicuranti di Salvatore che hanno spaventato Massimo e il pubblico presente.

Massimo Giletti minacciato a Non è l’Arena

Si ricorda inoltre che Massimo Giletti è da ormai un anno che vive sotto scorta. A provocare queste decisione è stato il fatto che sono spuntate delle intercettazioni del boss mafioso Filippo Graviano in cui ha espresso tutto il proprio disappunto nei confronti del giornalista e conduttore di Non è l’Arena per via delle sue inchieste.

A tal proposito Giletti, in una recente intervista rilasciata al settimanale Nuovo Tv, ha mostrato la propria sofferenza per aver vissuto un anno molto difficile solo per aver svolto il proprio lavoro: “Perché chi lotta contro la mafia deve vivere in questo modo? Spero di poter staccare la spina. L’ultimo anno e mezzo è stato molto pesante. Vorrei allontanarmi dai pensieri…”.

Sicuramente la frase agghiacciante di Salvatore aumenterà la tensione e lo stress che aleggia nella mente di Giletti che, però, siamo certi continuerà a svolgere la propria attività giornalistica con dedizione e rispetto deontologico, cercando di svelare altri misteri della cronaca del nostro Paese e affiliando il pubblico che lo segue da anni anche su La 7, dopo il suo passaggio dopo molto tempo dalla Rai dove conduceva con successo Domenica In, oggi di nuovo al timone di Mara Venier e con un tono più leggero a quello che proponeva Massimo, che analizzava i fatti clou della settimana.