Paola Minaccioni, la nota attrice non si nasconde: il tradimento è gravissimo

L’attrice Paola Minaccioni si è definita, durante una puntata di Verissimo, “portatrice sana di corna”. Che cosa voleva esprimere con queste parole? Scopriamolo insieme.

Chi non conosce Paola Minaccioni? Attrice, comica e conduttrice radiofonica: una figura decisamente famosa negli ambienti dello spettacolo.

Paola Minaccioni per “Verissimo”, screenshot della trasmissione

Figlia di un massaggiatore della Roma, Minaccioni ha fatto parte del laboratorio di Serena Dandini e ha frequentato anche il Centro sperimentale di cinematografia. Nel 2012 ha vinto un Globo d’oro come miglior attrice non protagonista, per il film “Magnifica presenza” di Ferzan Özpetek. Due anni dopo ha recitato in un altro film di Özpetek, “Allacciate le cinture”, grazie al quale ottiene il Nastro d’argento come migliore attrice non protagonista e la nomination al David di Donatello nella stessa categoria.

Ma l’attrice è anche nota per la verve comica, alcune volte declinata nel sarcasmo più feroce. E’ questo il caso dell’intervento avvenuto per Verissimo, quando la Minaccioni si è definita “portatrice sana di corna”.

“Nella mia vita sono stata tradita. Ho tradito pochissimo. Avrei voluto tradire di più. Ma voglio sdoganare il problema delle corna che alla fine sono quel suppellettile che più o meno hanno tutte le coppie” ha commentato, tra il clamore del pubblico.

Cosa ne pensa Paola Minaccioni del tradimento coniugale? L’originale riflessione

Paola Minaccioni, fonte adnkronos

Se il rapporto esiste, se pensi di essere sereno, allora meglio non sapere. Invece se il rapporto è logoro, allora sì, ma devi essere pronto a ricominciare daccapo. Ho avuto la fortuna di essere sempre indipendente, quindi ho potuto scegliere di andarmene, che non sempre tutte le donne possono fare” ha continuato la Minaccioni.

“Oggi non sono single, sono felice. Oggi mi reputo una persona fortunata, in grado di vivere da sola” ha concluso. Dichiarazioni tali da suscitare accese discussioni, specie per il cinismo sotteso al pensiero dell’attrice.

Paola Minaccioni per “Verissimo”, screenshot della trasmissione

In un’intervista a Vanity Fair del 2019 aveva ribadito l’identico concetto: “Negli anni ho interpretato così tante donne tradite, che oggi mi considero una portatrice sana di corna. E, attenzione, non solo sul set. Diciamo che le corna sono un accessorio che prima o poi finiscono sulla testa di tutte”. Una visione della vita certamente non condivisa dal pubblico televisivo e dai tanti fan; sulla Minaccioni sono infatti piovute le critiche, esemplificativa la seguente, dal profilo Instagram di una delle tante pagine gossip: “Che discorso stupido e superficiale…”