Francesca De André, il devastante calvario da lei affrontato: “È stato tragico…”

Francesca de Andrè al GFVip, screenshot

Francesca De Andrè, con una lunga intervista, ha confessato le violenze domestiche sopportate per anni. Un calvario il cui ascolto è doloroso. Scopriamo insieme che cos’è successo. 

La violenza domestica è un tema ancora poco trattato, poco discusso nelle arene televisive; spinoso, facilmente prono a morbose esternazioni, difficile da trattare con la dovuta delicatezza. Nondimeno andrebbe trattato, andrebbe discusso affinché tante altre vittime abbiano il coraggio di fuoriuscire dall’anonimato e di denunciare i propri aguzzini.

E’ il caso, seppur con tutte le particolarità proprie del momento, di Francesca De Andrè. La nipote del famosissimo cantautore ha infatti raccontato a Storie Italiane la sua storia di violenze domestiche, di abusi ricevuti senza sosta. Giungendo persino a lividi e traumi cranici, dolorosamente ripercorsi con un’intervista con Eleonora Daniele.

Siamo chiari, Francesca De Andrè è bene lontana dall’essersi ripresa dalle violenze subite; come ella stessa confessa “Non mi sento ancora al cento per cento, sto cercando di rimettere i pezzi in sesto“. Soggiungendo che “Quello che è avvenuto è stato tragico e non è finito. Nonostante questo ho lottato, ho tirato fuori le forze rimaste e ho scritto questo libro“.

Ma che cos’ha spinto la De Andrè a scrivere un’opera letteraria? Non l’ha fatto per sé stessa, ma per altre donne nella simile situazione : “Perché l’ho fatto? Perché ho avuto un riscontro che mi ha scioccata, perché tante altre donne hanno preso spunto e hanno trovato la forza di denunciare“.

Perchè Francesca de Andrè non aveva mai parlato delle violenze domestiche

La nipote del cantautore ha raccontato che, lavorando come opinionista, spesso trattava questo delicato tema e incontrava donne che avevano vissuto queste violenze. Eppure, nel suo caso, non si percepiva come una vittima, addirittura non le sembrava di averle vissute: “Io, che faccio l’opinionista, mi sono ritrovata dentro tante trasmissioni a parlare di violenza sulle donne, senza capire che io stessa ne ero vittima“. Era come se il suo inconscio, secondo le sue parole nel libro, avesse accettato questa violenza come ‘normale’.

Francesca de Andrè ospite la GFVip, screenshot

 

Ha cominciato ad emergere dal baratro di questa situazione da incubo quando un giorno è uscita e si è messa ad urlare; allora “una vicina di casa ha ascoltato le mie urla e mi ha portato da lei. Lui invece è scappato, hanno chiamato carabinieri e un’ambulanza“.

Eppure anche allora la De Andrè si rifiutava di accettare questa verità, anzi “io nemmeno volevo andare in ospedale, mi chiedevo perché io dovessi rovinare questa persona, io pensavo di salvarlo“. Oggigiorno Francesca De Andrè sta imparando a fare i conti col suo (doloroso) passato, ma come ella stessa ammette si tratta di un percorso lungo e difficile.