Eugenio Finardi, la drammatica malattia entrata in famiglia: l’agghiacciante scoperta dell’artista

Eugenio Finardi intervistato su Rai 1 a Oggi è un altro giorno ha raccontato di una malattia con cui convive in famiglia da diversi anni

Eugenio Finardi, tra i cantautori prog più famosi d’Italia, con 50 anni di carriera e 70 all’anagrafe, è sempre stato controcorrente e dalla penna critica e sensibile allo stesso tempo. Autore di successi come Extraterrestre e Musica ribelle, è riuscito a ricoprire un ruolo di spessore all’interno della scena underground italiano diventando il punto di riferimenti di tanti artisti della nuova generazione indipendente. Finardi è stato intervistato di recente su Rai 1 da Serena Bortone nel suo programma del primo pomeriggio dal titolo Oggi è un altro giorno ed è stata l’occasione per ripercorrere la sua carriera e parlare anche della sua vita privata.

Dopo un medley acustico di alcuni suoi brani è iniziata la chiacchierata informale in diretta. Toccante il momento in cui è stato mandato in onda il video in cui la seconda moglie, Patrizia Convertino, e una delle figlie, Francesca, hanno salutato con affetto il babbo che non è riuscito a contenere la commozione.

In contrapposizione a quell’intermezzo è stato poi il commento riguardo ad Anthony Delon, che ha avuto parole di poco rispetto nei confronti del padre, star del cinema, Alain, dichiarazioni che hanno fatto indignare il cantautore.

L’intervista è proseguita sempre parlando della sua famiglia, in particolare della primogenita Elettra, affetta da sindrome di Down, nata 40 anni fa. Inizialmente per lui fu un trauma, al punto che è caduto nella depressione, considerando la malattia della figlia come una condanna per qualcosa che aveva fatto lui stesso.

Eugenio Finardi e il rapporto con la figlia Elettra

Il cantautore è stato ospite di recente della Milano Music Week per un incontro in cui ha parlato del senso dell’impegno sociale nella musica di oggi, spiegando le differenze tra il cantautorato degli anni ’70, molto politicamente indirizzato, e quello odierno. Ma tornando all’intervista, ha proseguito il racconto sul rapporto con sua figlia Elettra, che ha amato con tutto se stesso dopo il periodo di difficoltà iniziale per digerire il suo handicap.

Elettra, la mia prima figlia è down e mi ha insegnato che non bisogna aspettarsi niente dai figli: quello che arriva arriva, qualunque cosa succede anche nel momento di sfortuna c’è qualcosa da prendere e imparare”, ha aggiunto Finardi.

“Mia figlia mi trasmette anche una certa malinconia, io oggi ho 70 anni e lei 40 anche so che chi è affetto da sindrome di Down invecchia prima, e ci troviamo in una pace serena”, ha infine dichiarato il cantautore.