Al Bano, il lieto annuncio riempie di gioia: “È la cosa più bella” | Alla fine è successo davvero

Al Bano ha ricevuto una bella notizia e in un’intervista recente ha manifestato un suo grande desiderio che potrebbe diventare realtà

Per Al Bano è arrivato il momento di ritornare nella sua seconda casa, quella del Teatro Ariston. Sarà infatti tra i super ospiti della seconda serata del Festival di Sanremo 2023 mercoledì 8 febbraio e la stessa sera sul palco ci saranno anche gli amici Gianni Morandi e Massimo Ranieri. Recentemente intervistato dall’Ansa l’artista pugliese ha commentato con gioia questa reunion manifestando un suo grande desiderio: “Sogno da anni di formare un trio, mi venne in mente considerando il fatto che eravamo tre figli di un sano proletariato, uno del profondo sud, uno napoletano e uno del nord, tutti e tre con una storia in comune e con la voglia di cambiare il nostro assetto sociale e morale“.

Si conoscono da tanto tempo e tra loro c’è sempre stato un rapporto speciale: “La cosa bella è il grande rispetto che c’è sempre stato tra di noi, anche se vita ci ha portato ad essere rivali, come a Sanremo o a Canzonissima, siamo sempre rimasti ottimi amici, e nella vita l’amicizia è la cosa più bella che esista“.

Al Bano svela che saranno contemporaneamente sul palco: “Sarà un fantastico incontro a tre, dedicato a Sanremo e al pubblico del festival che è mondiale. Con Gianni  mi sono esibito, con Massimo anche, ma è la prima volta che saremo lì tutti e tre insieme“.

Sarà l’occasione per un medley dei loro successi ma non mancheranno sorprese: “Dobbiamo ancora incontrarci e decidere cosa facciamo. Ma tutto deve essere bello, evocativo, propositivo. Dobbiamo dare il massimo“.

Al Bano e il suo legame con il Festival di Sanremo

Al Bano è particolarmente legato a Sanremo: “Nel conto metterei anche gli anni in cui non ci sono stato: ho sempre seguito il festival con devozione, ci ho sempre creduto. Ricordo quando la politica, dagli anni ’70 in poi, ha provato a distruggere il festival: è pazzesco, è una fabbrica di belle note, l’unica manifestazione musicale italiana nota ovunque, la più copiata nel mondo… E la cosa che mi colpisce è che i giovani hanno un amore assoluto nei confronti di Sanremo: pensiamo ai Maneskin, che sono una grande realtà mondiale e sono nati proprio lì, o a brani evergreen come Io che non vivo, Volare, Felicità“.

Commenta il cast dei big in gara, ben 28 tra grandi nomi e giovane promesse, e lo fa senza sbilanciarsi: “Per esprimere un giudizio bisogna prima ascoltare le canzoni: a Sanremo comanda sempre la musica“.

Nel 2023 compirà 80 anni e festeggerà con un tour teatrale: “Faccio quattro volte vent’anni, il 20 maggio e ne parlo con entusiasmo. Quando stai in perfetta salute, hai tanti impegni uno più bello dell’altro, sei animato dalla voglia di fare tante cose… che vuoi di più?”.